16
Dom, Gen

Typography

Ad accogliere l’entrata processionale del cardinale Marcello Semeraro e del vescovo Marco Mellino, assieme a tutti i sacerdoti concelebranti, c’era non solo l’assemblea presente nel Santuario Regina Apostolorum, ma anche l’urna del Beato Giacomo Alberione, presente nella Chiesa dal 1° di Novembre, ai piedi del dipinto dedicato a Gesù Maestro.

Il card. Semeraro, durante l’omelia, ha ricordato San Paolo VI, colui che aveva descritto Don Alberione come colui che è «sempre intento a scrutare i segni dei tempi», e ha commentato: «Scrutare è riuscire a vedere ciò che a prima vista non appare, significa lungimiranza». Ha poi ricordato come il motto evangelico che il Beato Alberione ha fatto proprio, “Gesù Via Verità Vita”, è un invito a fare sintesi. A questo riguardo il cardinale ha citato un vescovo giapponese il quale diceva che alcuni sottolineano la “via” (Asia), altri la “verità” (Europa e Stati Uniti), altri la “vita” (Africa e America Latina); la sfida è di accogliere le sensibilità di tutti i continenti per raggiungere la pienezza di Cristo. Bisogna arrivare al “Cristo vive in me” (Gal 2,20), il grande insegnamento di san Paolo che il Beato Alberione ha fatto proprio e trasmesso alla sua Famiglia.

Il Superiore generale, alla fine della celebrazione, ha ringraziato il cardinale per aver presieduto la celebrazione del 50° anniversario della morte del Fondatore. Questo evento, ha detto, ha coinciso con la chiusura dell’Anno Biblico di Famiglia Paolina, il quale, a sua volta, ha messo in evidenza lo zelo apostolico del Beato Alberione, il suo desiderio di portare a tutti la Parola di Dio, zelo e desiderio che deve continuare a bruciare nei cuori dei suoi figli e figlie. Il Fondatore, ha ricordato don Valdir, deve diventare, oltre che il santo da pregare, anche il modello di vita da imitare, per diventare sempre più come Gesù, infatti santificarsi è cristificarsi. E si augurava, infine, che il Santuario, grazie alla presenza del Fondatore, possa diventare il centro di incontro degli operatori della comunicazione, affinché, nell’ascolto e nella preghiera, si lascino illuminare e guidare nell’arduo compito di lettura e interpretazione della realtà sociale e politica da questo apostolo della comunicazione.

La celebrazione si è conclusa con l’incensazione del corpo di Don Alberione e con il canto paolino che invita a guardare il futuro pieni di speranza: «Guarda le stelle del cielo, Alberione uomo di Dio… così sarà la tua famiglia», mentre molti fedeli si avvicinavano all’urna del Fondatore per una preghiera personale.

  pdf Omelia (956 KB) pdf Saluto (158 KB)

Dove Siamo